Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Temi e dibattiti’ Category

Non ho un commento da aggiungere alle notizie che riporto più sotto , ma posso solo pensare che questo avviene quando la spesa militare nel mondo ha raggiunto cifre da capogiro, quando noi sprechiamo miliardi di cibo e di altri beni.

Discutiamo di politica interessati alle sorti dei nostri beniamini e della nostra parte politica, quando la politica essendo, come diceva Paolo VI la più alta forma di carità, sembra prestare poca o nulla attenzione a questi temi.

Abbiamo il dovere di diffondere queste notizie nella speranza che suscitino una presa di coscienza : sono convinto che accumulare sofferenza non fa altro che generare violenza. (altro…)

Read Full Post »

L’idea di tassare i Robot che sostituiscono il lavoro umano, avanzata da Bill Gates, sta entrando nel dibattito economico e politico e, spero, presto anche in quello sindacale. Bill Gates è stato accusato di fare del luddismo da miliardario e di avanzare una proposta estemporanea, si deve però tenere presente che ormai la problematica corre in tutto il mondo industrializzato. Nella vicina Francia la proposta di tassare i robot è uno dei punti qualificanti del programma del candidato socialista alla presidenza della repubblica, Benoit Hamon. In Svizzera, l’idea è sostenuta dal professore di diritto, Xavier Oberson da diverso tempo ed è presente nel dibattito politico , istituzionale e sindacale della Germania .

(altro…)

Read Full Post »

21 GENNAIO 2017

Chi si ricorda il Francis Fukuyama del 1992? In “La fine della storia”, egli, egli teorizzo il dogma della democrazia assoluta basata sul mercato mondiale, sotto l’egemonia degli Stati Uniti che diventano il potere globale … Ventiquattro anni dopo, questa previsione è evaporata. Fukuyama si è dimenticato della sua profezia e oggi denuncia, in un articolo che è apparso su “Propspect”, la degenerazione politica dell’America che sta infettando l’ordine mondiale progressivamente costruito dal 1950. Dice che ci troviamo di fronte a un fenomeno politico paragonabile alla caduta del comunismo.

(altro…)

Read Full Post »

14 gennaio 2017

Siamo in molti a chiederci come sarà il 2017, ma non possedendo capacità divinatorie e non fidandoci dei vari oroscopi ci dobbiamo limitare a fare qualche breve considerazione partendo dall’eredità che ci ha lasciato l’anno che si è chiuso.

Partiamo dal livello internazionale. L’uscita del Regno Unito dalla Ue e l’arrivo del nuovo presidente americano Donala Trump , il crescere della vocazione imperiale di Putin e l’espansionismo della Cina di Xi Jimping sono tre fattori che incideranno in profondità sui nuovi equilibri geopolitici e sulla drammatica situazione del Medio oriente. In questo contesto quello che non si vede è il ruolo dell’Unione Europea che rischia di essere messa ai margini o di dover subire la situazione , in questo caso le ricadute sull’Italia sarebbero assai pesanti, considerando la situazione economica appesantita da un debito pubblico gigantesco, da un alto tasso di disoccupazione, dalla mancanza di una politica industriale in grado di rilanciare la competitività e far crescere la produttività del sistema. Inoltre si continua ad essere immersi in un clima politico e sociale dominato dall’incertezza e dal malessere di larghi strati della popolazione. Ogni giorno che passa cresce la frammentazione e con essa il contrarsi della coesione sociale.

(altro…)

Read Full Post »

DAL SITO PEACELINK riporto il seguente articolo che mi sembra di notevole interesse e che si riferisce al Global Peace Index , rapporto che ogni anno quantifica, nazione per nazione, i progressi e i regressi della pace.

(altro…)

Read Full Post »

TENERSI DESTI

Viviamo in tempi molto strani. La disoccupazione, i giovani senza lavoro, la violenza sulle donne, le stragi terroristiche, il continuo flusso di migranti, la debolezza della nostra economia, lo stress, l’ansia e l’incertezza sembrano segnare il nostro spazio vitale. Tra noi circola un grande senso di sfiducia che coinvolge la dimensione politica e sociale  in maniera radicale.

Quando parlo alle persone, anche a quelle più vicine o con quelle insieme alle quali ho fatto percorsi di vita, di impegno sociale e politico, di ricerca spirituale e culturale che diventa sempre più necessario rilanciare l’idea di una civiltà dell’amore, dell’accoglienza e della comprensione ed comprendere che al centro del cosmo sta comunque l’amore, molte volte mi sento rispondere “ questo è bello, ma non è possibile”. Eppure nonostante le contraddizioni , le debolezze e le incoerenze che mi attraversano, non riesco a pensare che possiamo fuggire dalla fatica di cercare quello che realmente conta nell’uomo e nella sua relazione con altri.

(altro…)

Read Full Post »

Questa mattina appena svegliato e mentre dalla finestra scrutavo i primi segni dell’alba, mi sono chiesto: se ascoltiamo, in questo silenzio pregiornaliero, con una pietà di fondo e cura di sé, quanto si muove in noi e nella realtà in cui siamo collocati, cosa possiamo udire? Ma quale è  la possibilità di agire nelle attuali condizioni sociali, politiche, economiche e umane? O, per dirla in modo più semplice e diretto, quale è il futuro cui siamo chiamati individualmente e collettivamente?

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »